ESTATE ,  OZONO,  INQUINAMENTO E MALATTIE RESPIRATORIE

Posted by on Ago 13, 2018 in Pediatria | 0 comments

ESTATE ,  OZONO,  INQUINAMENTO E MALATTIE RESPIRATORIE

Questa estate  i tassi di inquinamento atmosferico  hanno  spesso superato i limiti consentiti dalla legge. Anni fa fu fatto in Ticino uno studio sulla relazione tra inquinamento atmosferico e malattie polmonari nei bambini.

Nel 1986 uno studio, che ha coinvolto 1220 bambini abitanti in città ed in campagna, ha dimostrato un aumento dei sintomi a carico delle vie respiratorie quando i piccoli erano esposti ad alte concentrazioni di biossido di azoto, sostanza inquinante prodotta principalmente dai gas di scarico delle auto.

A Stabio nel 1988 più della metà dei bambini che abitavano nei pressi della strada cantonale che porta al Gaggiolo (dove a causa del traffico l’inquinamento è maggiore), presentavano una alta reattività dei bronchi.

Si era anche constatato un aumento dei casi di allergie ed asma bronchiale ed una diversa risposta dei bambini abitanti in zone ad alta concentrazione di traffico, rispetto a quelli che vivevano lontano dalle vie di comunicazione.

Nel frattempo altre ricerche hanno confermato una correlazione tra inquinamento atmosferico e aumento delle malattie respiratorie. L’ultima riguarda circa 4500 bambini in età scolare di diverse regioni della Svizzera, tra cui anche Lugano, tenuti sotto osservazione per frequenza di malattie respiratorie, asma ed allergie.

Lo studio ha dimostrato che i bambini che vivono in zone ad alto grado di inquinamento atmosferico (biossidi di azoto, anidride solforosa e polveri in sospensione), soffrono maggiormente di irritazione e malattie delle vie respiratorie. Insomma tanto maggiore è l’inquinamento, tanto più i bambini presentano bronchite, tosse secca, irritazione degli occhi, asma e reazioni allergiche.

Le osservazioni continuano ma ormai le conclusioni dovrebbe essere chiare per tutti.

Le malattie respiratorie, l’asma e le allergie sono in aumento e la responsabilità è anche del crescente inquinamento atmosferico.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.