ALITO CATTIVO

Posted by on Giu 20, 2015 in Il medico risponde | 0 comments

Mi scuso se la disturbo con un problema “minore”, ma io quasi non ci dormo. Ho sempre l’alito particolarmente cattivo. Me ne sono accorto perché gli altri evitavano di starmi vicino e finalmente è stata la mia ragazza a dirmelo. Faccio bene ad usare le cicche?

come-combattere-lalito-cattivo_a4acae66bcc51f5d46ef8cf08f2a34a5

 

L’alito cattivo, detto anche alitosi, è un problema abbastanza comune, anche se è difficile accorgersene da soli. Di solito è un’altra persona che prima o poi ha il coraggio di dircelo. Molti pensano che sia dovuto a problemi di stomaco e digestione. Nella gran parte dei casi, invece, si tratta di un problema legato ad una cattiva igiene orale.  La placca dentale, in effetti, è dovuta a proliferazione di germi che provocano infiammazione del margine delle gengive. Sono proprio le cellule del cavo orale che desquamano e vanno in putrefazione, sotto l’azione dei batteri, a provocare il cattivo odore.

La saliva ha sicuramente una azione detergente, e per questo qualsiasi mezzo che fa aumentare la salivazione aiuta a tenere pulita la bocca. Le gomme da masticare, quindi, sono utili perché hanno anche questa funzione. Le “cicche”, come comunemente vengono chiamate, oltre a contenere sostanze aromatiche, come la menta piperita, stimolano la produzione di saliva.

Altri accorgimenti utili a combattere l’alitosi sono il frequente lavaggio dei denti con lo spazzolino e l’uso di colluttori. I prodotti appositi per sciacquarsi la bocca, da usare dopo lo spazzolino, contengono sostanze che aiutano anche a ridurre i germi nel cavo orale, dato che sono a base di disinfettanti. Per aumentare l’azione rinfrescante, scegliere quelli contenenti eucaliptolo e mentolo. Una alternativa economica per avere sempre un alito fresco e per l’igiene orale, è l’acqua con il sale aromatizzata con alcune foglie di menta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *